CardioPreventariab.it
ACC Meeting
Associazione Silvia Procopio

Sono state descritte l'incidenza, la localizzazione e la gestione dei sanguinamenti non-maggiori ed è stata valutata l'associazione tra sanguinamenti non-maggiori e risultati clinici nei pazienti affe ...


Lo studio MANTRA-PAF ( Medical ANtiarrhythmic Treatment or Radiofrequency Ablation in Paroxysmal Atrial Fibrillation ) ha confrontato l'ablazione transcatetere a radiofrequenza ( RFA ) con la terapia ...


Uno studio, condotto da ricercatori presso l'Intermountain Medical Center Heart Institute di Salt Lake City ( Stati Uniti ), ha dimostrato che l'uso di una terapia a lungo termine a base di Aspirina ...


I pazienti sottoposti ad ablazione transcatetere del ventricolo sinistro risultano esposti a un rischio significativo di sviluppare emboli cerebrali. L’ablazione transcatetere può rappresentare u ...


L'efficacia degli antagonisti della vitamina K, rispetto al placebo e alla terapia antiaggregante, è ben definita per la prevenzione dell'ictus nella fibrillazione atriale. Gli anticoagulanti orali ...


Il tasso di complicanze causate dalla ablazione della fibrillazione atriale con catetere nei pazienti con cardiomiopatia ipertrofica è basso. La fibrillazione atriale è comune nella cardiomiopatia ...


L’occlusione percutanea dell'appendice atriale sinistra ( LAA ) è stata sviluppata come una valida opzione per la prevenzione dell'ictus e del tromboembolismo nei pazienti con fibrillazione atriale no ...


La sarcoidosi deve essere presa in considerazione nei pazienti con tachicardia ventricolare di origine sconosciuta. Il decorso clinico della tachicardia ventricolare come presentazione primaria nei ...


Il beneficio degli anticoagulanti orali nella fibrillazione atriale si basa su un equilibrio tra riduzione dell’ictus ischemico e un aumento di sanguinamenti maggiori. L’obiettivo di uno studio è s ...


La fibrillazione atriale è un fattore di rischio per l'ictus e la mortalità e lo stato protrombotico è stato collegato a infiammazione. È stata valutata la relazione tra biomarcatori di infiammazion ...


Un più alto indice di massa corporea ( BMI ) è un importante fattore di rischio per la fibrillazione atriale. Le adipochine, leptina, adiponectina e resistina, sono correlate all’indice BMI, ma la l ...


Le Lineeguida 2015 per la Rianimazione hanno consigliato l’Amiodarone ( Cordarone ) come farmaco antiaritmico di scelta nel trattamento della fibrillazione ventricolare o della tachicardia ventricolar ...


La storia di sanguinamento influenza le decisioni per la terapia anticoagulante nella fibrillazione atriale. Ricercatori hanno analizzato gli esiti in relazione alla storia di sanguinamento e alla r ...


La fibrillazione atriale è associata a fibrosi atriale avanzata e insufficienza cardiaca. La relaxina, un ormone peptidico antifibrotico e antinfiammatorio, può essere utilizzato per valutare la fib ...


L’obiettivo di uno studio è stato quello di caratterizzare il decorso della gravidanza e gli esiti nelle donne con displasia aritmogena del ventricolo destro / cardiomiopatia ( ARVD/C ). E’stato co ...